Nelle scorse giornate quante novità.
Nuovi decreti nazionali e regionali si sono susseguiti senza darci tregua, fino ad arrivare al DPCM del 24/10.
Posto che Centro Sportivo Italiano ha sospeso tutte le competizioni fino al 13/11, una domanda rimane ancora senza risposta: e gli allenamenti?

Sono sospesi? o si possono fare in forma collettiva? Almeno individualmente?
La questione è complessa e, lo ricordiamo ancora una volta, da affrontare con serietà date le possibili conseguenze per i presidenti di società.

L’incertezza nasce dal dover incrociare le varie disposizioni. 
Ovviamente quanto scritto nel comma 9 dell’ultimo DPCM del 24/10, ma anche l’ordinanza 623 del 21/10 di Regione Lombardia

Non dobbiamo dimenticare, inoltre, le decisioni del Consiglio Nazionale CSI, che il 23/10 ha definito quali siano i campionati che possano dirsi di “interesse nazionale” in seno alla nostra associazione (e in questo senso il nostro comitato, avendo sempre recepito le direttive nazionali, non dovrebbe avere problemi)

Purtroppo però anche per gli esperti di diritto è possibile interpretare queste disposizioni in maniera differente. Dato che “la legge non ammette ignoranza” tutti i guai di una interpretazione scorretta ricadrebbero sui dirigenti delle società.

Come ci stiamo muovendo?
Con gli altri comitati della regione è stato convocato un consiglio CSI LOMBARDIA ad hoc, che permetterà di avere un comunicato ufficiale entro giovedì 29/10.
Non è la più rapida delle soluzioni, ce ne rendiamo conto, ma dialogare con le istituzioni richiede tempo, come potrete ben immaginare, soprattutto in un momento di emergenza come questo.

Sentendo il polso della situazione in provincia, molte società hanno già deciso di sospendere gli allenamenti a titolo precauzionale. 
Invitiamo tutti a fare lo stesso, per i prossimi tre giorni. Un sacrificio che sarà ripagato dalla certezza di non aver violato alcun decreto o delibera regionale. 

Come CSI Varese ci impegniamo a informare il prima possibile, pubblicando su sito, social e newsletter eventuali aggiornamenti.
Rimaniamo a disposizione per chiunque volesse in confronto. E’ possibile contattarci e organizzare una riunione online tramite messaggio privato sui social e tramite la mail [email protected]