Brescia centro veri che di una squadra speciale

REGIONALE Grande partecipazione dei varesini allo stage arbitri e giudici

0
462

 

La pausa dei campionati è servita, come consuetudine, per ricaricare le pile e testare, con lo stage regionale, la pattuglia degli arbitri e dei giudici.

L’appuntamento, ospitato al Centro “Paolo VI” di Brescia il 14 e 15 gennaio e cui hanno partecipato il presidente provinciale Redento Colletto nella sua veste di consigliere nazionale e il segretario Mario Antonio in quella di consigliere regionale, ha visto una folta presenza di varesini.

Presenti gli arbitri di calcio e pallavolo, ma anche le rappresentanti dei giudici di ginnastica artistica. A conferma che Varese è un Comitato in crescita anche sotto il profilo delle figure che assicurano il rispetto delle regole del gioco in campi e palestre e la
formazione di una classifica adeguata alle prestazioni di atlete e atleti della ginnastica.

La due giorni ha visto sabato un momento formativo e i test regolamentari. Già, perché serve sempre ricordarsi chi siamo, cosa siamo chiamati a fare e quale grado di conoscenza del regolamento, modifiche dell’annata comprese, hanno giudici e arbitri. Perché alle società, agli atleti di ogni età e alle loro famiglie occorre garantire un livello sempre alto della qualità del servizio. Come più volte ribadito e chiesto dalla presidenza nazionale, da quella regionale e sottolineato anche a livello di assemblee provinciali e di Consiglio.

Nella giornata di domenica 15 test atletici per gli arbitri.Perché se è vero che gli atleti sono sempre più allenati, la squadra degli arbitri deve dimostrarsi pronta, reattiva e con le capacità, anche quelle fisico-atletiche, per essere al posto giusto proprio nel momento giusto e quindi valutare al meglio l’evento del gioco e, così, decidere se sia davvero necessario fischiare e sanzionare o se tutto si è svolto secondo le regole e il gioco va lasciato andare.