Tante informazioni in questi giorni sul blocco della stagione.
Fra le società vittime dell’emergenza anche CFFS, il Centro Formazione Fisico Sportiva del comune di Varese. 

Una realtà nata dalla collaborazione con CSI, che da sempre si impegna per avviare allo sport i giovani delle scuole varesine.
Lo stop dell’attività sportiva ha sospeso le tantissime attività proposte, un elenco infinito consultabile sul sito ufficiale CFFS

Ovviamente oggi è tutto fermo, in attesa di poter ricominciare con la prossima stagione.
Ma dirigenti e istruttori non sono riusciti a stare con le mani in mano. 
Sono nate così nuove forme di attività sportiva, grazie al digitale. 

Prima di tutto tre proposte differenziate in base all’età dei ragazzi: 4/6 anni, 6/8 anni, 8/11 anni.
Si tratta di tre file PDF scaricabili gratuitamente, in cui trovare idee e istruzioni per creare un allenamento completo per i bambini. 
Inoltre anche un test motorio, da fare a casa, per dare un obbiettivo e valutare i progressi.

Come se questo non bastasse, aperto anche il canale Youtube ufficiale CFFS.
Collegandosi si potranno trovare routine di allenamento guidate dagli esperti del centro.
Da come giocare in casa a esercizi di educazione motoria, da lezioni di Zumba a ginnastica dolce per tutte le età.

Una risorsa a 360° per combattere la sedentarietà imposta dall’emergenza Covid-19.
Dal 04/05 potremo tornare a fare allenamenti INDIVIDUALI ALL’APERTO, secondo le disposizioni del DPCM 26/04.

E allora perchè non portare con se il telefono, collegarsi ai video CFFS e allenarsi guidati da esperti qualificati in maniera totalmente gratuita?

“La sfida più grande” ha commentato il presidente Redento Colletto “è quella di mantenersi attivi nonostante le limitazioni imposte. Soprattutto per i ragazzi, sui quali la quarantena ha pesato moltissimo. L’ottimo lavoro di CFFS corre in soccorso di tanti atleti e genitori, dando loro un aiuto per ricominciare ad allenarsi singolarmente ed essere pronti alle future riaperture delle palestre”. 

Vi invitiamo dunque a sfruttare le risorse online CFFS, in attesa che i corsi possano riaprire una volta passata la crisi sanitaria.