Si avvicina a rapidi passi il giorno dell’assemblea ordinaria, il 6 aprile, del Comitato, il primo tagliando del nuovo Consiglio, il bilancio, di fatto del primo anno di attività del Consiglio eletto nell’assise elettiva della primavera 2016 svoltasi all’oratorio di Venegono Inferiore.

L’assemblea è l’occasione per le società per parlarsi, conoscersi e condividere idee e proposte, con mozioni, ordini del giorno e suggerimenti al Consiglio che verranno discussi all’incontro.
Un incontro che è importante veda la maggiore presenza possibile così da poter impostare proposte per il futuro, per l’annata sportiva a venire e non solo, sempre più aderenti alle richieste del territorio, adatte alle esigenze dei ragazzi e delle parrocchie come pure delle famiglie.

Una mission svolta bene
La mission del Csi resta quella di educare i giovani attraverso la pratica sportiva e questo il Comitato di Varese lo sta facendo con egregi risultati tanto da aver visto il segretario Mario Antonini riconfermato, per un secondo quadriennio, nel Consiglio regionale, in questo periodo olimpico guidato dal pavese Paolo Fasani, e il presidente provinciale Redento Colletto che è stato, nell’assise elettiva di Firenze, eletto come consigliere na-
zionale. Un ruolo che aveva sfiorato nell’ultimo quadriennio di presidenza Achini quando era stato cooptato come membro non votante del Consiglio nazionale.
Nel nuovo Consiglio, Colletto è entrato a pieno titolo trovando, quale neo vice presidente, il presidente del Comitato “gemello” di Lecce, Marco Calogiuri.
Partecipare all’assemblea il 6 aprile, quindi, sarà utile per avere dal presidente Colletto il punto sulle azioni in atto, e vi assicuriamo che sono tante e articolate e decisamente calabili nel quotidiano di tutte le società, dalle assicurazioni, al tesseramento e ai progetti per i ragazzi come pure per l’internazionalizzazione del modello Csi nel mondo.

La sede del confronto
A ospitare l’assemblea ordinaria del Comitato provinciale, il momento per fare un po’ sarà la sede provinciale di via San Francesco, 15 in quel di Varese.
L’appuntamento di quest’anno non è elettivo, ma
è pur sempre un momento associativo di grande importanza cui è buona cosa partecipare evitando così di lasciare qualche sedia vuota o di delegare con troppa facilità rinunciando a dare il proprio personale contributo alla crescita di ragazze e ragazzi che scelgono le società del Csi Varese per fare sport e diventare donne e uomini.