Il  mega riassunto sulla possibilità di fare attività sportiva è stato molto apprezzato. Contiene tutti i protocolli, le leggi e le circolari CSI, per prendere una decisione informata sulla ripartenza.
In comitato sono arrivate però molte domande da parte delle ASD, in particolare sul concetto di “interesse nazionale”.

Infatti non occorre solo che il proprio sport sia riconosciuto da CONI, ma anche che la propria categoria di età (open, juniores…) e di merito (eccellenza…) siano riconosciute di interesse nazionale.

Da questo punto di vista molto avvantaggiati sono gli sport individuali. Ginnastica artistica, judo, podismo e nuoto sono da sempre orientati ai campionati nazionali, controllando con cura le circolari emanate di anno in anno da Centro Sportivo Italiano.
In linea di massima nella stagione 20/21 non ci sono state modifiche sostanziali e le società non hanno avuto problemi a interpretare le circolari allegate nell’altro articolo.

Qualche guaio per l’attività di squadra, soprattutto nel calcio a sette, dove le tante serie creano confusione.
L’iscrizione ai campionati con le formule tradizionali permette di definire di “interesse nazionale” solo parte dell’attività.

Nella categoria OPEN solo l’eccellenza maschile ha questa certificazione. Serie A, B, C,D e femminile devono allenarsi secondo quanto definito dal colore della nostra regione, in quanto non qualificano direttamente alla fase regionale o non esiste del tutto (e quindi quella nazionale).

Non sono considerati di interesse nazionale neppure i TOP JUNIOR, categoria che riscuote un grande successo in alcuni comitati lombardi, ma che non ha una fase finale nazionale.

Per le categorie giovanili gestite direttamente dal provinciale sono di interesse nazionale sia ALLIEVI che JUNIORES. La categoria RAGAZZI è gestita nella prima fase a livello zonale ma, grazie alla fase provinciale, rientra anch’essa nella filiera dei campionati nazionali.

Per le categorie giovanili zonali l’UNDER 12 è autorizzata, grazie a “Sport&go”, ma attenzione. Per potersi allenare come “interesse nazionale” un’altra richiesta ineludibile è la visita medica sportiva agonistica di secondo livello (che è a pagamento, dato che la gratuità per i minorenni in regione Lombardia parte proprio dai 12 anni).

UNDER 10 e UNDER 8 rimangono esclusi dalla certificazione di “interesse nazionale”.

Per il calcio a 7 potrebbero arrivare a breve delle modifiche, a seconda della rimodulazione dell’offerta sportiva.
PER ORA questa è la situazione ufficiale, come inserita nel portale campionati nazionali.

Per chi si allena in campi o strutte parrocchiali, ricordiamo che la Diocesi di Milano ha prodotto un documento che garantisce l’attività sportiva, purchè in regola con leggi e decreti.

Inoltre sono ancora in vigore tutti i protocolli di allenamento anti Covid, come indicato nel precedente articolo, a cui vi rimandiamo.

Infine invitiamo tutte le società, di qualsiasi sport, a effettuare un veloce controllo.
Nell’area del tesseramento troverete una voce dedicata “certificato iscrizione campionati nazionali”.
Cliccandola  in automatico aprirete un PDF che attesta la vostra partecipazione ai campionati. 
Non solo può essere utilizzato nel caso di controlli per attestare la natura della vostra attività, ma testimonia anche la correttezza della vostra iscrizione.

Per qualsiasi altra informazione rimandiamo all’articolo dedicato o potete contattarci in segreteria provinciale e tramite social.