Per i diversamente abili lo sport ha un ruolo forte per avere una vita normale e la collaborazione europea realizzerà più occasioni

Dall’1 al 3 marzo a Maribor, in Slovenia, si è svolto il kick off meeting del progetto ReSport, finanziato dal programma Erasmus + Sport e finalizzato alla creazione di un network europeo per l’inclusione sociale delle persone con disabilità attraverso attività sportive innovative, di cui il Csi è partner.

In rappresentanza del Centro sportivo italiano, un vanto per il Comitato di Varese, era presente Michele Lepori, consigliere del Csi Varese.

La prima giornata di lavoro si è aperta con un giro di presentazioni e saluti istituzionali degli enti coinvolti nel progetto: presenti i partner di Italia, Regno Unito, Francia, Ungheria, Slovenia, Croazia, Turchia e Portogallo.

Nel pomeriggio, l’ente capofila, Naprej Center, ha organizzato una dimostrazione pratica di alcune delle attività sportive utilizzate nell’ambito della riabilitazione: simulatore di sci, bastone con elastici e golf praticato con una speciale mazza in grado di registrare tramite una striscia se la palla è stata colpita correttamente.

Ad animare il pomeriggio i ragazzi del Naprej Center che hanno dato vita ad alcuni momenti di musica, ballo e recitazione.
A seguire si è svolta la conferenza stampa del progetto che è stata aperta da Jasna Vesligaj Damis, direttrice del Naprej Center.
Sono intervenuti all’evento Tomaz Barada, vice presidente del comitato paralimpico sloveno, il primo cittadino di Maribor Andrej Fistravec e, infine, il presidente del parlamento sloveno Milan Brglez.

Ciascun partner de ReSport sarà chiamato a svolgere, all’interno dell’iniziativa, specifiche attività e verrà avviata la pianificazione delle prossime azioni.
Si tratta, per il Csi, di una collaborazione fra Nazionale (che si occuperà degli eventi da organizzare nella capitale) e Varese, che curerà l’attività vera e propria con gli atleti.

Si tratterà di dar vita a tre corsi di diverse attività sportive pensate per i ragazzi disabili, eseguendo test e valutazioni.
Durante la fase di implementazione si darà vita a una serie di relazioni e test, che saranno valutate assieme a quelle dei partner europei, per dar vita a una nuova serie di standard per scegliere e valutare le migliori attività sportive di tipo riabilitativo.

È un progetto assolutamente innovativo, di autentica inclusione sociale e con il Csi Varese impegnato.