E’ arrivato nella notte e ha creato, letteralmente il caos. Il nuovo decreto ministeriale impone misure molto più restrittive dei precedenti, anche per lo sport. 

Questa volta non c’è spazio a fraintendimenti. 
In tutta la Lombardia, in Emilia-Romagna (ad esclusione di Bologna, Ferrara, Ravenna e Forlì-Cesena) e nelle province di Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia, è stato fermato tutto.

Fino al 03/04 non saranno consentite gare, eventi formativi e ANCHE ALLENAMENTI (in ogni caso, unica  deroga per gli atleti professionisti o di interesse nazionale).
Dovranno rimanere chiusi anche tutti gli impianti sciistici, le palestre, le piscine, i centri sportivi, i centri natatori, i centri benessere, i centri culturali, sociali e ricreativi. 

Un sacrificio non da poco, che si aggiunge alle altre disposizioni sulla mobilità personale e alle inevitabili conseguenze economiche.

Un sacrificio che CSI è disposto a fare senza compromessi come comunicato dal Presidente Nazionale Vittorio Bosio “La Presidenza Nazionale del CSI resta assolutamente convinta della bontà delle proprie scelte di fermare l’attività sportiva di ogni genere su tutto il territorio; può sembrare una misura drastica, pesante e per qualcuno egoisticamente inaccettabile, ma che in realtà è il frutto dell’amore e del rispetto verso le persone. Il CSI è e resta sempre più convinto che la prima arma per difendere la salute di tutti, non siano né il panico né l’indifferenza, ma la consapevole prevenzione e comportamenti saldi e maturi, per tutto il tempo che sarà necessario

La sospensione di tutte le attività CSI Varese, allenamenti compresi, è quindi prorogata al 03/04, secondo le disposizioni per lo sport in Lombardia.  
In futuro, quando avremo maggiori certezze, comunicheremo le modalità della ripresa.

Anche CSI Lombardia comunicherà a breve la sospensione, indicando come impatterà le attività in programma. Vi invitiamo a informarvi collegandovi direttamente al portale.

Potete scaricare il testo del decreto ministeriale dell’08/03 a QUESTO LINK, così come le specifiche di Regione Lombardia
Sul portale nazionale trovate invece la comunicazione completa della Presidenza Nazionale Centro Sportivo Italiano.