Riassumendo in maniera stringata potremmo dire che cambia molto poco. 
La zona arancione per la Lombardia fa tornare le ASD alle condizioni già vissute con lo stesso colore in passato.

Per le iniziative di interesse nazionale continua la possibilità di allenarsi in “maniera tradizionale”. Anche per le associazioni legate alle parrocchie, la Diocesi di Milano ha dato il via libera tramite il parere dell’avvocatura, che alleghiamo. 

Le modalità sono le stesse precedenti alla zona rossa, con la necessità di scaricare il certificato di partecipazione a campionato di interesse nazionale che trovate nell’area del tesseramento.
Per gli sport di squadra, avendo rinviato la chiusura delle iscrizioni previste per fine marzo, rimangono valide le condizioni pregresse. 

Per le iniziative non di interesse nazionale si torna a poter condurre allenamenti distanziati, senza utilizzo di spogliatoi e all’aperto.

Rimangono valide tutte le norme di tutela sanitaria presentate più volte alle società sportive, che ribadiamo nei materiali di questa cartella condivisa

La situazione per il prossimo futuro è ancora alquanto incerta e non solo per lo sport. Quanto ancora rimarremo in zona arancione non è chiaro.
CSI Varese è al lavoro, di concerto con regionale e nazionale, per capire quanti e quali spazi ci siano per l’offerta sportiva nello scampolo di stagione che ci rimane. 

Per informazioni o dubbi potete contattarci sulle mail istituzionali o tramite social di comitato.

 

zona rossa